Forex: ordini e strategie

Nel mercato FOREX, diversamente da quanto accade per il mercato azionario, non ci sono vere e proprie regole universali, ma è possibile identificare alcuni concetti considerabili come tali. Aprendo un account per operare nel mercato FOREX, occorre decidere se operare “spot” o “forward”. Nel primo caso le transazioni possono avere una durata massimo di un paio di giorni, anche se ci sono delle eccezioni. Nel secondo caso le transazioni possono durare fino a un anno, eccezioni a parte.

trading forexOperando sul FOREX occorre sempre farlo con coppie di valute, chiamate singolarmente “cross”. La prima valuta viene definita in inglese “base”. La seconda valuta è denominata “counter”, altro termine inglese. Solitamente il Dollaro USA (USD) funge da valuta base e coppie molto comuni sono USD/CHF (Franco svizzero), USD/JPY (Yen giapponese) e USD/CAD (Dollaro canadese). Altre valute counter possono essere rappresentate dall’EURO (EUR), dalla Sterlina britannica (GBP) e dal Dollaro australiano.

Le quotazioni includono sempre un prezzo “bid” e uno “ask”, che corrispondo rispettivamente all’offerta e alla domanda del mercato commerciale. Il primo prezzo è sempre inferiore al secondo. Il bid è il prezzo che si deve pagare per comprare la valuta base in cambio della valuta counter. L’ask è il prezzo al quale si venderà la valuta base in cambio della valuta counter. La differenza tra bid e ask è definita “spread”.

Ogni volta che si ha l’intenzione di aprire una posizione occorre piazzare un “entry order” (ordine d’entrata) che diventa un “open order” quando e se viene eseguito. Se si vuole chiudere una posizione bisogna piazzare un “exit order” (ordine d’uscita). Inoltre una posizione può essere “short” (se si intende comprare valuta base) o “long” (se si intende vendere valuta base).
Nell’aprire una posizione occorre sempre definire il prezzo al quale si voglia comprare o vendere una valuta, il tipo di ordine da piazzare e la quantità di valuta da scambiare.

TIPI DI ORDINE DEL FOREX

Nel mercato FOREX esistono tre tipi di ordine: di mercato (market order), di stop (stop order) e limite (limit order). Vediamo di cosa si tratta nel dettaglio.

ORDINE DI MERCATO (market order)

Operando attraverso un ordine di mercato la valuta si comprerà al prezzo “ask” offerto dal proprio broker e si venderà al prezzo “bid” stabilito dallo stesso broker, indipendentemente da quello che è il prezzo attuale di mercato.
Per esempio, comprare la coppia (cross) EUR/USD quotata dal proprio broker 1.275/1.283 significa che il broker comprerà da voi a 1.275 e venderà a voi a 1.283.

ORDINE DI STOP (stop order)

Aprire una posizione con un ordine di stop significa che si aprirà una posizione solo nel caso in cui il mercato si dovesse muovere verso una direzione prestabilita. Per esempio, supponendo che la coppia (cross) EUR/USD abbia un valore di 1.278 e si preveda che possa raggiungere quota 1.287, se i vostri calcoli sono errati e il mercato tenderà al ribasso allora non comprerete, dal momento che la quota 1.287 da voi stabilita non viene raggiunta. Questo fatto rappresenta certamente un vantaggio ma, se la quotazione di 1.287 dovesse essere raggiunta, allora sarete costretti a comprare a un prezzo meno vantaggioso. Di solito aprire una posizione con un ordine di stop è consigliato solo quando il mercato si trova in una situazione toro (“bull” in inglese) verso una direzione specifica.

ORDINE LIMITE (limit order)

Aprire una posizione con un ordine limite implica che si intende comprare a prezzi inferiori rispetto a quelli attuali o vendere a prezzi superiori rispetto a quelli attuali. Per esempio, ipotizzando la coppia EUR/USD scambiata a 1.284/1.288 e supponendo una tendenza al rialzo del mercato, potrete piazzare un ordine limite per comprare a 1.275. Una volta eseguito, tale ordine si configurerà di fatto come una posizione “long” EUR/USD a 1.275, che è evidentemente un prezzo migliore di 13 pips (il “pip” è l’acronimo di Performance Index Paper, vale a dire è il più piccolo movimento che il prezzo di una coppia può avere) rispetto a quello che si potrebbe ottenere con l’acquisto della coppia EUR/USD effettuato con un ordine di mercato.

Lo svantaggio di questo tipo di ordine consiste nel fatto che se il valore della coppia EUR/USD aumenta rispetto a 1.284/1.288, allora il limite di 1.275 non sarà mai raggiunto ed eseguito di conseguenza, per cui si perderà l’occasione di trarre profitto dal valore assunto. Di solito aprire una posizione con un ordine limite è consigliato se si pensa che il mercato resti stabile all’interno di un certo intervallo di valori (range) prima di muoversi verso una determinata direzione, dando così il via all’esecuzione dell’ordine stesso.